Al Forte di Bard: apre il Ferdinando, il nuovo museo…

ilFerdinando_news_700x250pxl

14 Apr Al Forte di Bard: apre il Ferdinando, il nuovo museo…

Al Forte di Bard un inedito ed affascinante percorso storico. A partire da domenica 30 aprile 2017 un nuovo corpo museale permanente verrà consegnato al pubblico: il Ferdinando, Museo delle Fortificazioni e delle Frontiere.

Collocato nell’Opera Ferdinando, situata al primo livello della rocca fortificata, il museo propone un coinvolgente viaggio attraverso l’evoluzione delle tecniche difensive, dei sistemi di assedio e del concetto di frontiera.
Il percorso consentirà al pubblico di scoprire altri duemila metri quadrati di superficie del Forte.
Tre le sezioni: il Museo del Forte e delle Fortificazioni, Le Alpi Fortificate (1871-1946) e Le Alpi, una frontiera?

Il visitatore sarà calato in un viaggio nella storia attraverso scenografie ricreate con armi e ricostruzioni in scala di sezioni murarie di fortificazioni, plastici, filmati e armi autentiche, con un iter narrativo che mette in luce l’evoluzione delle fortezze attraverso il progredire delle strategie militari, dei materiali e delle tecniche costruttive, a partire dall’epoca romana per giungere sino alle nuove soluzioni architettoniche e balistiche del Novecento.

La sezione dedicata al tema delle frontiere intende far riflettere sul significato di questo termine – confine o barriera, ostacolo o tratto d’unione? – in un percorso che trasmette una visione complessa e strutturata non solo del Forte di Bard, ma anche del contesto storico, sociale, culturale e geopolitico all’interno del quale è inserito nelle diverse epoche storiche: un viaggio nel passato che si conclude con una riflessione estremamente attuale sul presente.
Ad integrazione di questa tematica le sale espositive dell’Opera Ferdinando ospiteranno dal 30 aprile al 26 novembre 2017 l’esposizione Paolo Pellegrin. Frontiers promossa con la collaborazione di Magnum Photos che documenta, attraverso gli intensi scatti del celebre fotografo, il dramma dei viaggi della speranza delle migliaia di migranti che fuggono in cerca di un futuro migliore.

Non ci sono commenti

Invia un Commento